Protestati: come ottenere un prestito

Per ottenere un prestito nel caso si sia protestati (o cattivi pagatori) è possibile accedere al credito al consumo, purché si abbiano determinati requisiti come:

  • un lavoro a tempo indeterminato;
  • relativa busta paga;
  • disponibilità a pagare le rate del prestito direttamente alla fonte del guadagno.

Uno dei sistemi più utilizzati è la cessione del quinto in cui il richiedente il prestito si
impegna a cedere mensilmente massimo un quinto dello stipendio per far fronte alle rate.

Sarà lo stesso datore di lavoro a trattenere la cifra da versare e girarla all’istituto di credito o banca che ha erogato il finanziamento al protestato o al cattivo pagatore.

A garanzia spesso viene concesso il TFR maturato in azienda. Possono accedere a tale forma di finanziamento tutti i lavoratori dipendenti o autonomi. Nel secondo caso occorre possedere una polizza sulla vita. Il suo valore di riscatto sarà la garanzia da dare all’istituto di credito o alla banca.

Tutti gli altri lavoratori non hanno possibilità di accesso, senza che prima abbiano sanato la loro posizione debitoria e provveduto alla cancellazione del protesto.

© Riproduzione riservata